JOINFRUIT E LIFE SI CONFRONTANO PER CREARE UN PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DELLA FILIERA DELLA FRUTTA A GUSCIO PIEMONTESE 

Frutta a guscio Piemonte

Primo incontro di intenti tra l’OP Joinfruit e Life a cui è stato invitato il neo costituito Consorzio Frutta a Guscio Piemonte con l’obiettivo di dare il via sul territorio piemontese a un progetto di valorizzazione della filiera della frutta a guscio (noci mandorle, arachidi e castagne) del Piemonte.

“Un primo fertile confronto – dichiara Bruno Sacchi, Direttore di Joinfruit – dove ogni attore ha messo sul piatto non solo le potenzialità ma anche le fragilità di un programma così ambizioso (ed inesistente). Joinfruit crede che un lavoro sinergico potrà soddisfare gli interessi di tutti, arrivando a concretizzare questo meraviglioso progetto.”

La creazione di un disciplinare per definire gli standard produttivi e qualitativi, strategie per la definizione dei prezzi, trasparenza delle operazioni e creazione di un ufficio tecnico di assistenza in campagna, sono alcune delle idee nate durante la riunione. L’intento è di sviluppare un pacchetto completo “farm to LIFE” dal campo all’agroindustria, in cui Joinfruit si impegna a gestire la parte di competenza dell’OP, come mettere a disposizione un ufficio tecnico ad hoc per questi prodotti che segua la scelta varietale, delinei il disciplinare e coordini le attività dei produttori, mentre Life si occuperà di definire la parte di packaging, la strategia commerciale e le regole che possano valorizzare al massimo il prodotto. 


“La richiesta di un prodotto locale controllato e certificato – commenta Umberto Sacchi, Presidente di Lifeè un argomento di estrema attualità da parte del consumatore finale. La nostra azienda da anni persegue la valorizzazione di eccellenze italiane e in modo particolare del Piemonte, la regione che ci ha visto nascere e dalla quale siamo partiti. Siamo soddisfatti di aver trovato in Joinfruit un partner autorevole e competente con cui sviluppare nuovi prodotti e condividere il knowhow sviluppato in questi anni.”

Condividi il post: